Come scrivere un articolo ottimizzato SEO nel 2018

Instagram - 5 layout free da scaricare
Instagram Stories – Tips e 5 layout free da scaricare
23/01/2018
Procrastinare è davvero un errore?
Procrastinare è davvero un errore?
12/04/2018
Come scrivere un articolo ottimizzato SEO nel 2018

Ormai posso dare per scontato la definizione ed il significato dell’acronimo SEO. La SEO e le sue regole con gli anni sono cambiate, si sono evolute e fondamentalmente dipendono da tutti gli aggiornamenti che Google apporta al proprio algoritmo. Occuparsi di SEO oggi, infondo non lo è mai stato, non è un gioco da ragazzi. Se sei un copywriter per il web sarà importante per te sapere come scrivere un articolo ottimizzato SEO nel 2018, perché parecchie cose cambiate rispetto all’anno scorso.

 

Il potere delle Keyword

Le parole chiave hanno sono ancora importanti per classificare il tuo articolo all’interno dei motori di ricerca. Bisogna scegliere le giuste keyword, posizionarle correttamente all’interno del testo al fine di contestualizzarlo correttamente.

 

Qualità dei link

I link in uscita dal vostro sito o blog dovranno non solo essere di qualità ma pertinenti all’argomento trattato nel vostro articolo.

 

Velocità di caricamento delle pagine

Questo aspetto punta a migliorare le esperienze di ricerca degli utenti da mobile, così i motori di ricerca premieranno quei siti che hanno ottimizzato sia il codice che i contenuti per essere facilmente gestibili anche al di fuori del desktop. Bisogna fare attenzione anche al peso delle immagini che non dovranno essere troppo pesanti.

 

Creare contenuti che siano di valore

Quale significato assume il termine “valore” quando si parla di contenuto? Un contenuto è di valore quando: risolve il problema dell’utente offrendogli esattamente ciò che sta ricercando; valore in merito allo scopo del sito essendo un contenuto inerente al suo core business; valore in merito al target di riferimento perché offre contenuti relativi ai suoi interessi.

 

Attenzione alla Semantica

Google da anni utilizza l’indicizzazione semantica (LSI – Latent Semantic Indexing). In pratica usare dei sinonimi all’interno del testo è meglio e consente a Google di restituire le vostre pagine all’utente durante la ricerca anche se non ha cercato esattamente le keyword inserite. Un esempio, se si ricerca “blog viaggio” troverete tra i risultati anche “guadagnare con un blog”.

 

Evitare trucchi e stratagemmi

È finito il tempo dei titoli acchiappa clic, dei reindirizzamenti, dei contenuti nascosti… i motori di ricerca sono sempre più intelligenti e per fortuna anche gli utenti.

 

Pagine AMP

Ho già parlato delle Accelerated Mobile Pages e della loro importanza per Google.

 

©Image Copyrights – Unsplash – NeONBRAND

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *