Come diventare Social Media Manager freelance

Social Media Marketing: come aumentare l'engagement
Social Media Marketing: come aumentare l’engagement
14/10/2017
Cosa sono le pagine AMP e a cosa servono
Cosa sono le pagine AMP e a cosa servono
16/10/2017
Come diventare Social Media Manager freelance

Quando lavoravo da dipendente, il sogno che facevo quotidianamente era quello di riuscire a gestire un giorno il mio tempo, i miei progetti e i miei clienti. Quel sogno si è realizzato, oggi lavoro come libera professionista del mondo digitale, affronto le difficoltà del caso… ma finalmente posso decidere tutta quella serie di aspetti di cui vi parlavo. L’idea di questo post si basa sulla mia esperienza personale, non posso ancora permettermi di essere unicamente una Social Media Manager, ma proverò a darvi qualche consiglio su come diventare Social Media Manger freelance.

Come diventare Social Media Manager freelance? Leggo spesso questa domanda sui social e sui vari blog di settore, alcuni suggeriscono di seguire uno dei tanti master online e basta, altri di comprare libri che spiegano passo passo questo fantastico lavoro, altri ancora di inventarsi un progetto e iniziare a sperimentare… secondo me sono tutte cose giuste, ma sono da fare tutte. La formazione costante è alla base di questo lavoro. Se poi aggiungiamo la parola “freelance” alla job description “Social Media Manager” diventa tutto più difficile.
Perché? Continuate a leggere e lo scoprirete.

 

Io partirei da “Come diventare Social Media Manager”?

E qui abbiamo già una domanda più semplice 😊

➡ Step 1: Formazione

Oggi esistono tantissimi Corsi e Master in Social Media Marketing, sopratutto online, dai quali attingere una formazione di base più che sufficiente.
L’aspetto su cui fare maggior attenzione è quello di scegliere un ente qualificato, che mostri il programma e i nomi dei docenti, così che possiate verificarne la reputazione online. Controllate sempre le opinioni degli utenti che hanno seguito lo stesso corso, come ne parlano, cosa ne pensano.

La durata del corso è un altro aspetto fondamentale, diffidate di chi vi promette di diventare dei mostri del SMM in una full immersion di 2 giorni. No!
Scegliete un corso con una durata anche lunga, vuol dire che i docenti approfondiranno al meglio i vari argomenti. Spesso un solo corso non basta, ad un corso generico sul Social Media Marketing bisognerà affiancarne uno sulle metodologie di Storytelling e sicuramente un altro unicamente sulla Gestione dell’Advertising… è un investimento non solo sulla vostra formazione ma sul vostro futuro professionale, non sto dicendo di non badare a spese ma vi garantisco che saranno soldi ben spesi.

Oltre alla formazione “assistita” dovrete leggere tantissimo e non solo libri, leggete articoli, blog, pagine facebook… leggete tutto ciò che trovate sull’argomento. Affidatevi a fonti recenti, alcuni contenuti, vecchi anche solo di 1 anno, potrebbero non essere al passo con gli ultimi aggiornamenti dei Social.

Quali skill dovreste raggiungere? Conoscere i vari Social e le relative piattaforme non basta, avevo già parlato in un precedente articolo delle 10 competenze fondamentali per un Social Media Manager, provate a dargli un’occhiata e per piacere “non spaventatevi” 😅

 

➡ Step 2: Sperimentazione

Mentre studierete, potrete iniziare a sperimentare, sarà importantissimo.
Vi aiuterà ad imbattervi da subito in alcune problematiche per le quali potrete chiedere consiglio ai docenti del corso, inoltre apprenderete più velocemente.
Non è importante avere un cliente o un progetto sin da subito… cosa vi piace? Cosa vi interessa? Quali sono i vostri hobby? Io ad esempio ho iniziato con una pagina facebook sul mondo dello shopping online, dove provavo a dare consigli d’acquisto, informavo su sconti e nuovi siti da monitorare.
Non fermatevi a Facebook, fate la stessa cosa anche su Twitter, Instagram, Pinterest e Snapchat.
Siate analitici, perché un contenuto funziona più di un altro? Perché alcuni utenti interagiscono di più rispetto ad altri? Perché quel profilo molto simile al vostro ha più follower o engagement? Analizzate, fatevi delle domande, siate instancabili… tutta questa sperimentazione vi tornerà utile quando poi lavorerete sul campo.

 

E adesso posso rispondere alla domanda “Come diventare Social Media Manager freelance?”

➡ Step 3: Aspettare un attimo e vivere un’esperienza in agenzia

Se non avete alle spalle esperienze di lavoro di squadra, ad esempio in agenzia all’interno di un team, vi consiglio di aspettare un attimo per il salto da “freelance”.
Cercate di lavorare per un periodo limitato, un anno o due, anche in una piccola agenzia per comprendere tutte le procedure di pianificazione, cura del cliente, rispetto delle deadline e i vari strumenti di monitoraggio e reportistica.
Non sarà tempo buttato, fidatevi. Se non avessi alle spalle gli anni in agenzia oggi avrei molta difficoltà a gestire i vari impegni, appuntamenti e riunioni oltre al lavoro pratico al computer. La vita in agenzia è una palestra, ne uscirete più sicuri delle vostre competenze e forse anche con qualche cliente che la stessa agenzia potrebbe affidarvi.

 

➡ Step 4: Vita da freelance

A questo punto il passo è fatto, avete aperto partita iva e non vi resta che iniziare a lavorare.
A parole sembra facile, nei fatti non lo è. Avere progetti in maniera costante è l’unica alternativa a una vita di stenti, quindi adesso l’impegno aumenta perché bisogna diventare bravi nel presentarsi ai clienti, a formulare preventivi che non richiedano dei budget insostenibili, a ideare strategie di Social Media Marketing che funzionino.
Siate coraggiosi, l’errore è dietro l’angolo e vi capiterà sicuramente di sbagliare… è proprio grazie agli errori che si cresce.
Non isolatevi, fate networking, siate dei veri e propri PR di voi stessi.

 

➡ Step 5: Formazione costante

Il mondo digitale si aggiorna quotidianamente e i Social con esso. Ogni giorno sarà vostro compito ritagliarvi del tempo per continuare a studiare e tenervi aggiornati… su questo aspetto c’è poco da scherzare, se non sarete sempre aggiornati anche le vostre Strategie di Social Media Marketing potranno risentirne.

 

Spero di aver tracciato per somme linee il percorso su come diventare Social Media Manager freelance, se avete voglia di farmi qualche domanda specifica, lasciate un commento!

©Image Copyrights: Unsplash

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *